Duris riprende il Milan al 93', Plzen in Europa League

Duris riprende il Milan al 93', Plzen in Europa League

© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews
 di Simone Lorini articolo letto 1052 volte

Si chiude con un pareggio il girone del Milan, che si deve arrendere all'entusiasmo del Viktoria Plzen, giunto al pareggio negli ultimi secondi di partita grazie ad un acuto di Duris. Partita poco brillante da parte dei Campioni d'Italia, penalizzati dalla scarsa motivazione visto che la gara non valeva nulla ai fini della classifica. Al contrario grande soddisfazione per i cechi che si tolgono lo sfizio di battere uno dei club più titolati al mondo ed approdano meritatamente all'Europa League.

POCHE CONCLUSIONI - In campo si vede un Milan svogliato in almeno 8/11, con Pato ansioso di recuperare il tempo perduto e De Ciglio attivo e grintoso per ovvie ragioni. I padroni di casa invece si giocano il passaggio in Europa League, e contro una big del calcio europeo come il Milan hanno tutte le motivazioni per cercare la vittoria. Allegri schiera la squadra B, confermando solo Robinho, Amelia e Nocerino ma il pallino del gioco lo conservano sempre i cechi. Poche però le conclusioni in porta. Da evidenziare la spettacolare mezza rovesciata con cui Pilar fa sussultare i tanti spettatori accorsi all'Eden Stadion, con il pallone che si spegna di poco alto sopra la traversa difesa da Amelia. Il Viktoria continua a spingere sulle fasce, in particolare con Pterzela e Horvath, sicuramente i più dotati tecnicamente del gruppo ceco, ma senza trovare la stoccata giusta per impegnare Amelia. Ci prova persino il difensore Rajtoral, con un coast to coast che parte dalla propria area di rigore per terminare con una conclusione mancina, troppo centrale però per battere l'estremo difensore rossonero. Prima del duplice fischio del direttore di gara, c'è tempo per due cambi per infortunio, uno per parte. Nei cechi brutta distorsione per Jiracek, che esce per Darida. Nel Milan Allegri toglie Nocerino, vittima di un dolore alla coscia sinistra. Per evitare maggiori guai, il tecnico livornese inserisce a centrocampo Thiago Silva.

TUTTO AD INIZIO E FINE - La ripresa inizia con i fuoschi d'artificio per i rossoneri che nei primi tre tiri in porta della propria partita cogliono un palo e segnano due reti, entrambe a marca brasiliana. Ed in entrambi gravi responsabilità per il difensore Cisovsky, perfetto fino a quel momento. Il centrale dopo un minuto di gioco si fa soffiare palla al limite dell'area piccola da Pato, che dalla quella distanza non perdona Cech e porta in vantaggio gli ospiti. Passa solo un minuto ed ancora Cisovsky perde ancora stupidamente palla regalandola al papero. Uno-due fulmineo con Robinho che porta quest'ultimo davanti alla porta vuota: 2-0 servito e Plzen annichilito dalle giocate dei campioni rossoneri. Pato rischia il bis al 53', quando si allarga sulla destra, salta Bystron e conclude di potenza, trovando il palo a sbarragli la strada per la doppietta. Reazione immediata dei cechi che con Pterzela si rendono ancora pericolosi sulla destra, dove Taiwo difense molto blandamente. L'esterno salta secco il terzino nigeriamo e conclude di prima intenzione trovando però anche lui il palo a dirgli di no, ad Amelia battuto. Partita finita e cechi abbattuti? Neanche per sogno! La squadra di Vrba trova le forse per riscuotersi, coglie prima un altro palo con una bella conclusione da fuori area di Duris e riesce anche ad accorciare le distanze all'89°. Bakos si libera sul lato destro dell'area e serve al centro un pallone solo da spingere per il centrale Bystron, rimasto in area rossonero a seguito di un calcio da fermo, che appoggia in rete il più facile dei goal. Al 93' arriva l'impresa: Duris detta bene il movimento in area, riceve palla e beffa la marcatura di Mexes battendo Amelia con un tocco ravvicinato. Soddisfazione indescrivibile per la squadra ceca e per tutto l'Eden Stadion. Non c'è neanche il tempo di rimettere il pallone a centrocampo, finisce così.

 

Viktoria Plzen-Milan 2-2
(47' Pato, 48' Robinho, 89' Bystron, 93' Duris)