Gli effetti del golpe in Turchia toccano anche lo sport

Gli effetti del golpe in Turchia toccano anche lo sport

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Alcuni campioni pensano di fare le valigie
 di Emilio Lupis articolo letto 212 volte

La Super Lig turca è un campionato dalla crescente competitività, che negli anni ha formato diversi giocatori passati poi per importanti squadre del “Vecchio Continente”.

In tempi recenti è diventato anche attrattiva per alcuni giocatori importanti.

Nella stagione appena terminata chi ha trovato rilancio, giocando un ottimo campionato d’Europa fino all’infortunio patito contro l’Italia, è stato Mario Gomez.

Flop completo alla Fiorentina, causa gli innumerevoli infortuni ed alcuni gol sbagliati degni delle migliori rubriche della “Gialappa’s”, la punta tedesca al Besiktas ha vissuto una stagione di rilancio marcando 26 reti in 33 presenze.

Tutto sembrava far credere che con una cifra simbolica Gomez restasse in Turchia, però il tentativo di golpe ha cambiato le carte in tavola e nonostante la cifra simbolica fissata per il riscatto da parte del club bianconero, il giocatore con un messaggio postato sulla pagina facebook ha annunciato l’addio:” "E' stata una decisione difficile sulla quale ho dovuto riflettere parecchio. A tutti i tifosi del Besiktas dico che sarà molto dura per me non giocare qui il prossimo anno. La decisione è motivata dalle vicende politiche che si sono verificate. Non ci sono altri club o altre cause che mi hanno fatto prendere questa decisione. Spero che voi possiate capirlo e che questi problemi politici possono essere risolti in modo pacifico presto. Così potrei esaudire il mio desiderio di giocare di nuovo per il Besiktas".

Adesso, il panzer tedesco, tornerà alla Fiorentina che difficilmente lo tratterrà in viola. Alla finestra il Wolfsburg che pare non essere in cima ai desideri di Gomez.

Altro sport in sofferenza per le note vicende è il basket, ma questa è un’altra storia.