tuttochampions.it
Martedì 12 Novembre 2019                     
TMW Magazine
Pasolini ed il calcio

Pasolini ed il calcio

 di Marco Di Nardo Twitter:    Vedi letture

Il calcio, gioco bellissimo che ogni volta fa emozionare, gioco che ha accompagnato migliaia e migliaia di ragazzi nella loro vita. Gioie e dolori venivano e vengono tutt’ora dimenticate in quel rettangolo a volte verde e a volte, specialmente nel nostro Sud, nero come la lava fredda del Vesuvio. Campi neri, ormai quasi scomparsi perché ricoperti dal verde dell’erba sintetica, oggi così di moda. Un poeta scrittore come Pier Paolo Pasolini, girovago delle borgate Romane e innamorato del calcio, ne sarebbe rimasto rammaricato. Polvere e sangue sulle ginocchia non se ne vedono più, meglio per chi gioca ma il tutto, è sicuramente meno poetico. Sarebbe piaciuto questo calcio a Pasolini? Il calcio di Sky, dei soldi, dei diritti televisivi, questo noi non possiamo dirlo ma lo scrittore, che fu una fantasiosa ala destra, capì la forza di questo gioco meglio di tutti :<<Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. È rito nel fondo, anche se è evasione. Mentre altre rappresentazioni sacre, persino la messa, sono in declino, il calcio è l’unica rimastaci. Il calcio è lo spettacolo che ha sostituito il teatro». Per la sua passione calcistica illimitata, Pasolini assimila, in modo alquanto originale, il calcio a un vero e proprio linguaggio, coi suoi poeti e prosatori, Bulgarelli gioca un calcio in prosa: egli è un “prosatore realista”; Rivera gioca un calcio in poesia: egli è un “poeta realista”>>. Come dargli torto, vedendo il Goal di Germania Italia, la calma e la classe con cui calcia il pallone non è altro che movimento trasformato in poesia. Lo stesso Pasolini con il suo fisico assomigliava ai giocatori di allora, magri, scavati in viso, sembravano spersi in quei completini troppo larghi. Altra Italia, altro calcio. Per Pasolini ogni goal è sempre un’invenzione, è sempre una sovversione del codice: ogni goal è ineluttabilità, folgorazione, stupore, irreversibilità. Proprio come la parola poetica. Il capocannoniere di un campionato è sempre il miglior poeta dell’anno. In questo momento è il nostro Cavani. L’attaccante che, così come un poeta, trasforma la realtà,   segnando cambia il corso della partita, procura gioia o dolore a seconda di chi la guarda-legge. Il poeta del Friuli e delle borgate romane che amava Napoli, la città che più aveva resistito alla modernizzazione post guerra, ancora oggi camminando per i vicoli avrebbe potuto incontrare il suo “Gennariello”, intento a dare calci ad un pallone davanti ad un sagrato di una chiesa.


Altre notizie - Letteratura calcistica
Pasolini ed il calcio02.03.2017 10:40
Pasolini ed il calcio
Altre notizie

SONDAGGIO

NAPOLI BATTUTO DAL REAL. COME VALUTATE LA PRESTAZIONE DEGLI AZZURRI?
  Ottima
  Buona
  Discreta
  Insufficiente

E' STATO BELLO SOGNARE

E' stato bello sognareIl Napoli ha lottato, ha sperato ed ha sognato.

IL PRESIDENTE DELL'ATLETICO SMENTISCE TUTTO: "SIMEONE NON SI MUOVE"

Il Presidente dell'Atletico smentisce tutto: "Simeone non si muove"Il presidente dell'Atletico Madrid Enrique Cerezo ha parlato a Radio Marca del momento dei colchoneros: "In campionato lotteremo per la terza posizione, questo è un dei nostri obiettivi. Gli errori arbitrali? Il problema non...

ROMA-CHELSEA, ARBITRA LO SVEDESE ERIKSSON

Roma-Chelsea, arbitra lo svedese ErikssonLa UEFA Champions League ha pubblicato la lista degli arbitri che dirigeranno la quarta giornata della competizione europea. Per la partita Roma-Chelsea di martedì 31 ottobre è stato designato lo svedese Jonas Eriksson. Gli...

PORTO - JUVENTUS, ANDRE SILVA AVVISA I BIANCONERI: " PARTIAMO SUBITO FORTE "

Porto - Juventus, Andre Silva avvisa i bianconeri: " Partiamo subito forte " Il Porto è il primo ostacolo della Juventus nella fase a scontri diretti nel cammino verso la finale, l'attaccante Andrè Silva è la stella della squadra e principale pericolo...

BAYERN MONACO-ARSENAL 5-1, LE PAGELLE: THIAGO E LEWA MOSTRUOSI, GUNNERS DOMINATI

Bayern Monaco-Arsenal 5-1, LE PAGELLE: Thiago e Lewa mostruosi, gunners dominatiBAYERN MONACO Neuer 7 - Para il rigore ed è sempre un grande merito, anche se poi viene beffato dall'ostinazione di Sanchez. Per il resto, spettatore non pagante da posizione ultra-privilegiata. Lahm 8...

TANTI AUGURI A LUIS FIGO, IL MAGO DAL "PASO DOBLE"

Tanti auguri a Luis Figo, il mago dal "Paso doble"L’eleganza nel calcio si è espressa in tanti modi e forme. Ci sono diverse soluzioni per manifestare questa peculiarità. Forse, il sistema più affascinante è il dribbling, il giocherellare abilmente con la...