tuttochampions.it
Martedì 19 Novembre 2019                     
TMW Magazine
Pagelle e tabellino di Lione-Juventus

Pagelle e tabellino di Lione-Juventus

Un monumentale Buffon tiene in piedi la Juventus con tre grandi parate.
 di Domenico Giugliano   Vedi letture

Ecco le pagelle di Lione-Juventus:

 

LIONE

Lopes 6 – Compie due grandi parate, al 23’ ed al 42’ su Higuain. Male nei rinvii con i piedi. Si fa sorprendere sul proprio palo in occasione del gol di Cuadrado al 76’.

Yanga-Mbiwa 5,5– Così come quando giocava nella Roma, anche con il Lione sbaglia i tempi d’intervento nelle situazioni di palla coperta. Dall’81’ Ghezzal – s.v.

N'Koulou 6,5 – Dei tre difensori centrali, è colui che riesce a controllare meglio gli attaccanti della Juventus, chiudendo spesso i loro inserimenti.

Diakhaby 6 – Al suo esordio in Champions League, non sfigura per niente. Si conquista un calcio di rigore al 34’ che Lacazette però sbaglia. Bravo nel gioco aereo.

Rafael 6,5– L’ex esterno destro del Manchester United, lascia poco spazio ad Alex Sandro per andare al cross dalla sinistra. Le sue veloci ripartenze, mettono in apprensione la difesa bianconera.

Darder 6 – Molto utile nella fase d’interdizione, limita molto il raggio d’azione di Pjanic. Dal 63’ Ferri 6 – Rispetto al centrocampista spagnolo, partecipa molto di più all’offensiva francese.  

Gonalons 6,5 – Nonostante non sia un calciatore molto mobile, riesce sempre ad aiutare la difesa quando la Juventus prova a attaccare centralmente.

Tolisso 6 – Aiuta molto Morel in fase d’interdizione sulla fascia sinistra. Cerca spesso di attaccare lo spazio centrale lasciato libero da Fekir.

Morel 5,5 – Dani Alves dalla sua parte è un osso duro. Per questo motivo, va raramente al cross badando maggiormente alla fase difensiva.

Fekir 6,5 – In fase di costruzione, arretra molto la propria posizione o si sposta sulla sinistra, consentendo l’inserimento centrale di Tolisso. Al 49’, solo un grande Buffon gli neghi la gioia del gol.

Lacazette 4 – Dopo un mese fermo per infortunio, gioca la sua prima gara da titolare. La non perfetta condizione fisica, non lo fa esser incisivo nei dribbling e sotto porta. Si fa parare da Buffon il rigore al 34’. Dal 72’ Cornet 5 – Così come Lacazette, anche l’attaccante classe ’96 non incide come Genesio si sarebbe aspettato.  

All. Genesio 6,5 – Il suo Lione gioca bene ed è grintoso ma contro un monumentale Buffon, non sempre si vincere.

 

JUVENTUS

Buffon 8 – Risponde alle critiche dell’ultimo periodo neutralizzando il calcio di rigore di Lacazette al 34’. Compie ancora una grande parata al 49’, deviando in angolo un tiro di Ferik. Si esalta di nuovo con un’altra grande parata al 70’ ma questa volta su Tolisso.

Barzagli 6,5 – Non si lascia sorprendere dalla velocità di Lacazette e di Fekir, giocando spesso d’anticipo sull’avversario.

Bonucci 5,5  – Commette un fallo da rigore ingenuo su Diakhaby al 34’. Sceglie sempre i tempi giusti per andare in pressione sull’avversario.

Evra 6 – Nonostante non giochi in un ruolo non suo, riesce a controllare senza grossi problemi le due punte del Lione.

Dani Alves 5 – Poco reattivo sia in fase offensiva che in quella difensiva, commette molti errori, sia di posizione che in fase di costruzione. Dall’82’ Benatia – s.v.

Khedira 5,5 – Anch’egli, come Dybala, entra poco nel vivo del gioco. Fa tanti tagli ma viene servito molto poco. Dal 74’ Sturaro 6 – Prezioso nella fase di contenimento ma sempre pronto ad attaccare quando è la Juventus ad imbastire la manovra.

Lemina 4,5 – Molto generoso nell’aiutare i compagni di squadra in difficoltà, funge da schermo davanti la difesa. Deve migliorare ancora molto dal punto di vista tattico. Commette un fallo ingenuo che l’arbitro decide di punire con il secondo giallo, lasciando così la Juventus in 10 uomini nei 35’ finali.

Pjanic 6 – Nel primo tempo, perde palloni molto semplici consentendo le ripartenze al Lione. Con l’espulsione di Lemina, ricopre il ruolo di centrocampista centrale, entrando più nel vivo del gioco.

Alex Sandro 5,5 – Trova difficoltà nel superare Rafael e per questo, punta ad accentrarsi spesso. Perde la marcatura molto spesso nelle situazioni di palla inattiva.

Dybala 5 – Non il miglior Dybala contro il Lione. Poco incisivo sotto porta e poco mobile, cerca spazio sugli esterni, non riuscendo però a dare imprevedibilità alla manovra. Dal 69’ Cuadrado 7 – Con la sua velocità, i suoi dribbling e la sua astuzia, tiene in apprensione la difesa del Lione. Al 76’, segna un gran gol spiazzando Lopes e difesa francese.  

Higuaín 6 – Ingaggia sin da subito la sua sfida con Lopes ma in due occasioni, al 23’ ed al 42’, il portiere francese gli dice di no. Dopo l’espulsione di Lemina, aiuta molto la squadra in fase di non possesso palla.

All. Allegri 6 – La sua Juventus dimostra di esser cinica ma deve migliorare ancora nella fase di costruzione negli ultimi metri.

 

Arbitro: Marciniak 5 – Giusto non fischiare al 30’ il calcio di rigore alla Juventus per un presunto contatto tra Dybala e Diakhaby in quanto, il difensore francese ha effettuato un intervento composto.  Legittimo fischiare il calcio di rigore per il Lione per fallo di Bonucci su Diakhaby sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Non si accorge di un contatto dubbio in area di rigore del Lione tra Diakhaby e Bonucci con il difensore bianconero che recrimina una spinta a palla lontana. Dubbia la decisione che ha portato l’arbitro a sanzionare, con la seconda ammonizione, Lemina per fallo su Fekir, costringendo la Juventus a giocare in 10 uomini i finali 35’. Sbaglia al 57’ nel non fischiare un fallo da ultimo uomo, al limite dell’area di rigore del Lione, di Diakhaby su Higuain.

 

TABELLINO

LIONE-JUVENTUS 0-1

Lione (3-5-1-1): Lopes, Yanga-Mbiwa (81’ Ghezzal), N'Koulou, Diakhaby, Rafael, Darder (63’ Ferri), Gonalons, Tolisso, Morel, Fekir, Lacazette (72’ Cornet).  A disposizione: Gorgelin, Tousart, Gaspar, Valbuena. All. Genesio

Juventus (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Evra, Dani Alves (82’ Benatia), Khedira (74’ Sturaro), Lemina, Pjanic, Alex Sandro, Dybala (69’ Cuadrado), Higuaín. A disposizione: Neto, Hernanes, Mattiello, Kean. All. Allegri

MARCATORI: 76’ Cuadrado (J)

ARBITRO: Marciniak Szymon (PL)

AMMONITI: 28’ Rafael (L), 34’ Bonucci (J), 51’ Darder (L), 59’ Lacazette (L), 73’ Diakhaby (L), 82’ Ferri (L)

ESPULSI: 53’ Lemina (J)


Altre notizie - Pagelle
Altre notizie

SONDAGGIO

NAPOLI BATTUTO DAL REAL. COME VALUTATE LA PRESTAZIONE DEGLI AZZURRI?
  Ottima
  Buona
  Discreta
  Insufficiente

E' STATO BELLO SOGNARE

E' stato bello sognareIl Napoli ha lottato, ha sperato ed ha sognato.

IL PRESIDENTE DELL'ATLETICO SMENTISCE TUTTO: "SIMEONE NON SI MUOVE"

Il Presidente dell'Atletico smentisce tutto: "Simeone non si muove"Il presidente dell'Atletico Madrid Enrique Cerezo ha parlato a Radio Marca del momento dei colchoneros: "In campionato lotteremo per la terza posizione, questo è un dei nostri obiettivi. Gli errori arbitrali? Il problema non...

ROMA-CHELSEA, ARBITRA LO SVEDESE ERIKSSON

Roma-Chelsea, arbitra lo svedese ErikssonLa UEFA Champions League ha pubblicato la lista degli arbitri che dirigeranno la quarta giornata della competizione europea. Per la partita Roma-Chelsea di martedì 31 ottobre è stato designato lo svedese Jonas Eriksson. Gli...

PORTO - JUVENTUS, ANDRE SILVA AVVISA I BIANCONERI: " PARTIAMO SUBITO FORTE "

Porto - Juventus, Andre Silva avvisa i bianconeri: " Partiamo subito forte " Il Porto è il primo ostacolo della Juventus nella fase a scontri diretti nel cammino verso la finale, l'attaccante Andrè Silva è la stella della squadra e principale pericolo...

BAYERN MONACO-ARSENAL 5-1, LE PAGELLE: THIAGO E LEWA MOSTRUOSI, GUNNERS DOMINATI

Bayern Monaco-Arsenal 5-1, LE PAGELLE: Thiago e Lewa mostruosi, gunners dominatiBAYERN MONACO Neuer 7 - Para il rigore ed è sempre un grande merito, anche se poi viene beffato dall'ostinazione di Sanchez. Per il resto, spettatore non pagante da posizione ultra-privilegiata. Lahm 8...

TANTI AUGURI A LUIS FIGO, IL MAGO DAL "PASO DOBLE"

Tanti auguri a Luis Figo, il mago dal "Paso doble"L’eleganza nel calcio si è espressa in tanti modi e forme. Ci sono diverse soluzioni per manifestare questa peculiarità. Forse, il sistema più affascinante è il dribbling, il giocherellare abilmente con la...