Roma, l'Europa per dare un segnale. Spalletti:

Roma, l'Europa per dare un segnale. Spalletti: "Se non vincerò andrò a casa"

© foto di Daniele Buffa/Image Sport
 di Stefano Pontoni Twitter:  articolo letto 17 volte

L'Europa per dare un segnale, in una città legata a precedenti benauguranti. Luciano Spalletti sbarca a Lione nel momento più delicato della stagione della sua Roma. Il cammino dei giallorossi si è inceppato in maniera pesante due volte negli ultimi giorni: il ko nel derby di Coppa Italia contro la Lazio e la sconfitta casalinga contro il Napoli, che ha compromesso forse in maniera definitiva le speranze di rimonta scudetto. La riscossa riparte dal Lione, già battuto dal tecnico toscano in Champions dieci anni fa, e dall'Europa League che improvvisamente, in questi Ottavi di finale, rischia di diventare l'obiettivo salva stagione della Roma.

"A Roma, per tutta una serie di motivi è imperativo vincere. Ormai da questo non si esce più fuori. Non c'è la possibilità di immaginare una crescita graduale, tutto è rapido, accelerato. Quindi è molto semplice: se non vincerò qualcosa significa che non avrò fatto meglio dei miei predecessori e quindi andrò a casa". Così il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, in una lunga intervista a L'Équipe, pubblicata dal quotidiano francese proprio nel giorno della gara di andata dei quarti di finale di Europa League tra Lione e giallorossi.