Giovedì 24 Aprile 2014                     
HOME › PERSONAGGIO DEL GIORNO
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
15.03.2012 00:12 di Alessio Milone articolo letto 796 volte

Risvegliarsi allenatore di una delle squadre più importanti d'Europa, riuscire a risollevare le sorti di una squadra distratta, traballante, e fare in modo di donarle nuovo entusiasmo, nuovo vigore. Roberto Di Matteo è il vero personaggio non del giorno, ma del momento: col suo carisma, con la sua pacatezza apparente, col suo stile da milord macchiato da una palese origine italica, il neo tecnico del Chelsea vive un periodo di grande esaltazione, che nella serata di Chelsea-Napoli ha raggiunto l'apice: ribaltare il 3-1 dell'andata non era semplice, siglare quattro gol in casa a un Napoli famelico è significato lanciare un chiaro segnale di personalità, di tempra, di carattere, di autorevolezza.

A Stamford Bridge, Napoli e Chelsea hanno dato spettacolo. Cinquemila supporters partenopei giunti a rendere un po' più azzurro il tipico "blue" della coreografia, e a sostenere un undici, quello di Mazzarri, vivace ma carente di quella durezza, di quell'esperienza necessaria a far sua la qualificazione. Durezza, efficacia, esperienza, che sono state caratteristiche proprie di un Chelsea disegnato a immagine e somiglianza del suo tecnico. Spavaldo, furbo, incisivo, cinico, pungente, tenace: doti che, se racchiuse in un individuo solo, vanno a tracciare i contorni di quello che era Roberto Di Matteo sul campo da gioco: un centrocampista di qualità e quantità, pilastro della mediana, motorino del centrocampo, dinamismo al servizio della squadra.

Grazie al suo estro, alla sua sagacia tattica e alla sua astuzia, il Chelsea ha avuto la meglio nella notte di Londra. Napoli ha avuto una lezione di stile (ma non di personalità: gli azzurri ci hanno provato fino alla fine, e merito e onore a loro, autori di una Champions League assolutamente strepitosa). Il Chelsea, rispetto agli azzurri, ha saputo avere quel quid in più. Quel qualcosa che alla fine è risultato determinante, quel fattore mentale che il sig. Di Matteo ha saputo gestire con minuzia ed efficacia, e che gli potrà consente di raggiungere traguardi decisamente ambiziosi.


Altre notizie - Personaggio del giorno
PERSONAGGIO DEL GIORNO, 25.05 23:07 - Titolo tristissimo, lo ammetto; anche perché improvvisato. Alla vigilia della finale di Champions, infatti, confesso che avevo intenzione di proclamare personaggio della Champions 2012/2013, a prescindere dal risultato della finale (squillino le trombe)... ebbene sì, Zlatan Ibrahimo...
PERSONAGGIO DEL GIORNO, 02.05 02:11 - Una partita intera in panchina: condizione fisica così così, quattro gol praticamente impossibili da rimontare, meglio evitare sforzi inutili. Leo Messi, lui è il personaggio del giorno: avrebbe potuto esserlo Robben, o uno dei terribili ragazzi di Klopp, ma la Germania &egra...
PERSONAGGIO DEL GIORNO, 25.04 03:23 - Calcolando la sua grandissima qualità, e il prezzo con cui il Borussia Dortmund, nel 2010, lo prelevò dal Lech Poznan (4 milioni di euro), Robert Lewandowski può essere considerato, per noi italiani amanti del calcio e del mercato, una gran bella plusvalenza. Il suo cartellin...
PERSONAGGIO DEL GIORNO, 12.04 02:53 - Finita la due giorni di Champions, trascorso il giovedì di Europa League, è tempo di bilanci. Che non possono non essere negativi, ovviamente: Juve ko in casa, sotto i colpi del Bayern Monaco, Lazio frenata dall'impeto turco, in un Olimpico deserto. Difficile stabilire chi, in e...
PERSONAGGIO DEL GIORNO, 04.04 02:13 - Campione del mondo, grandissimo portiere, forse ancora il numero uno attualmente, capitano e pilastro della Vecchia Signora... questo e molto altro è Gigi Buffon. E' anche, però, colui che ha incredibilmente sbagliato - parecchio - nella sfida d'andata con il Bayern: due err...
EUROPA LEAGUE. LA JUVENTUS PUò VINCERE IL TITOLO?
  Si, è la squadra più forte della competizione
  Si, anche se le portoghesi sono rivali importanti
  No, ci sono squadre meglio attrezzate
  No, i bianconeri punteranno sul campionato tralasciando l'Europa

IL TIKI-TAKA DI GUARDIOLA NON DÀ ALCUN FRUTTO E SCATENA LE IRE DI KAISER FRANZ. VINCE IL CALCIO ITALIANO DI ANCELOTTI

Anche nella seconda semifinale di Champions League vince il calcio all'italiana fatto di solidità difensiva e rapide ripartenze in contropiede. Se però ieri a Mourinho e il suo Chelsea l'opera era riuscita solo a met&a...
Quarti Champions League (2)

NOVELLINO: "MILAN, GRAN SPIRITO DI SQUADRA. NAPOLI SFORTUNATO"

Ai microfoni di <i>Tuttomercatoweb</i> il tecnico del Modena Walter Alfredo Novellino, in veste di doppio ex di Milan e Napoli, commenta a caldo l'esito delle due squadre in Champions League. <b>Walter Novellino, Milan avanti soffrendo e Napoli fuori. Incredibile a vedere il camm...

DIEGO COSTA, EL TALENTO SIN CABEZA. UN ALTRO CRACK...

Diego Costa, "El talento sin Cabeza". Infatti fino all'anno scorso il Brasiliano era conosciuto più per il caratterino non certo facile, che per gol e giocate. Neanche un anno fa, Diego Costa era l'attaccante che si faceva squalificare per 4 giornate per una testata in Europa Lea...

LIVE TC - REAL MADRID-BAYERN MONACO 1-0 - RISULTATO FINALE

94' - Finisce la partita 90' - Quattro minuti di recupero. Il Real gestisce il possesso palla 83' - Bayern Monaco vicinissimo al gol! Assist perfetto di Robben per Gotze, che scarica col destro: Casillas fa una parata prodigiosa e salva il Real.  71' - Cambio nel Bayern, con...

NEUER, CASILLAS E I CONTROPIEDI BLANCOS: TOP&FLOP DI REAL-BAYERN

Una gara straordinaria, emozioni da vivere anche al ritorno. Termina 1-0 per il Real Madrid il primo round della sfida contro il Bayern Monaco. Vediamo insieme Top&Flop della sfida.  TOP Casillas - Gara straordinaria del portiere spagnolo, che si conferma insuperabile. Salva il risultato, ...

REAL, ANCELOTTI: "RONALDO SARÀ AL TOP MARTEDÌ. A MONACO CON CORAGGIO"

Intervistato da Sky Sport, l'allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti è soddisfatto dopo il successo ottenuto contro il Bayern Monaco nell'andata delle semifinali di Champions League: "E' stata dura, come sono dure tutte le semifinali. All'inizio eravamo ...