Venerdì 25 Aprile 2014                     
HOME › EDITORIALE
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
28.03.2012 00:00 di Tommaso Maschio articolo letto 917 volte

Nella serata dei primi due quarti di finale si è visto un livello di gioco veramente basso da parte di almeno 3 squadre su 4. Fa eccezione il Real Madrid di José Mourinho che domina, seppur sterilmente, per 70 minuti un Apoel che mette in mostra un solido catenaccio e poco altro. Quando poi le forze fisiche e mentali la squadra di Cipro si scioglie come neve al sole sotto i colpi di un Real cinico e concreto nella miglior tradizione delle squadre dello Special One. Decisivi gli ingressi dei brasiliani Marcelo e Kaka, che regalano ritmo e giocate ad una squadra apparsa fin lì bloccata e prevedibile, irretita fra le maglie strette di un Apoel molto 'italiano'.

Il Real, viste anche le avversarie nel cammino da qui alla finale, sembra avere la strada spianata per l'Allianz Arena dove si disputerà la fase conclusiva di una Champions League che appare minore guardando questa parte del tabellone.

Non brillano per spettacolo e gioco offensivo le altre due squadre che si contendono la semifinale. Il Chelsea da quando Roberto Di Matteo ha sostituito André Villas-Boas ha ritrovato una grande solidità difensiva sacrificando però l'attacco dove Fernando Torres, pur sembrando in crescita, non riesce ancora a sbloccarsi in Europa. Il gol di Kalou permetterà al Chelsea di giocare come meglio sa nella gara di ritorno a Stamford Bridge quando i Blues potranno agire solamente di rimessa e il Benfica dovrà per forza di cose sbilanciarsi in avanti più di quanto fatto finora nel cammino europeo. Nonostante i tanti giocatori offensivi e di fantasia infatti i portoghesi non riescono a brillare in avanti sprecando le poche occasioni concesse dagli avversari.

Di Matteo conquistando la qualificazione in semifinale, risultato insperato dopo il 3-1 subito al San Paolo di Napoli, potrebbe garantirsi la conferma sulla panchina dei londinesi nonostante il patron Abramovich cerchi un allenatore più glamour per il suo gioiello. I risultati e l'unità ritrovata nello spogliatoio potrebbero avere la meglio sulle mode del momento. Sempre ammesso che Abramovich abbia imparato dagli errori (leggi alla voce Villas-Boas).


Altre notizie - Editoriale
EDITORIALE, 24.04 00:30 - Anche nella seconda semifinale di Champions League vince il calcio all'italiana fatto di solidità difensiva e rapide ripartenze in contropiede. Se però ieri a Mourinho e il suo Chelsea l'opera era riuscita solo a metà col pareggio a reti inviolate contro l'Atletico, ...
EDITORIALE, 22.04 23:05 - Il Chelsea costruisce le barricate. Tutti dietro, ad aspettare Diego Costa e compagni. L'Atletico Madrid non va oltre lo 0-0 al Calderon contro i Blues. Una partita dominata dai padroni di casa dal primo al novantesimo, Mourinho impassibile in panchina e il Calderon tutto per i Colchoneros del C...
EDITORIALE, 09.04 00:00 - Una delle principali indiziate per la vittoria finale schizza alle semifinali non senza patemi. La lezione di agonismo e sacrificio degli uomini di Klopp è da libro cuore, straziante il saluto dello stadio che al calare del sipario saluta gli eroi mai domi ma battuti. Battuti da un avversario...
EDITORIALE, 03.04 01:00 - Se le gare di martedì sera sono state all'insegna dell'equilibrio quelle andate in scena nel mercoledì di Champions League hanno promosso Real Madrid e Paris Saint-Germain a grandi candidate, per non dire favorite, della vittoria finale. Due club molto diversi fra loro per la s...
EDITORIALE, 02.04 00:00 - "Che fortuna il Milan ad aver pescato l'Atletico Madrid". Ve lo ricordate questo ritornello? Ecco, dimenticatelo. L'Atletico tiene testa anche al Barcellona, dal Camp Nou la squadra di Diego Pablo Simeone porta a casa un punto. Fisicità, qualità individuali e tanto sa...
EUROPA LEAGUE. LA JUVENTUS PUò VINCERE IL TITOLO?
  Si, è la squadra più forte della competizione
  Si, anche se le portoghesi sono rivali importanti
  No, ci sono squadre meglio attrezzate
  No, i bianconeri punteranno sul campionato tralasciando l'Europa

IL TIKI-TAKA DI GUARDIOLA NON DÀ ALCUN FRUTTO E SCATENA LE IRE DI KAISER FRANZ. VINCE IL CALCIO ITALIANO DI ANCELOTTI

Anche nella seconda semifinale di Champions League vince il calcio all'italiana fatto di solidità difensiva e rapide ripartenze in contropiede. Se però ieri a Mourinho e il suo Chelsea l'opera era riuscita solo a met&a...
Quarti Champions League (2)

NOVELLINO: "MILAN, GRAN SPIRITO DI SQUADRA. NAPOLI SFORTUNATO"

Ai microfoni di <i>Tuttomercatoweb</i> il tecnico del Modena Walter Alfredo Novellino, in veste di doppio ex di Milan e Napoli, commenta a caldo l'esito delle due squadre in Champions League. <b>Walter Novellino, Milan avanti soffrendo e Napoli fuori. Incredibile a vedere il camm...

DIEGO COSTA, EL TALENTO SIN CABEZA. UN ALTRO CRACK...

Diego Costa, "El talento sin Cabeza". Infatti fino all'anno scorso il Brasiliano era conosciuto più per il caratterino non certo facile, che per gol e giocate. Neanche un anno fa, Diego Costa era l'attaccante che si faceva squalificare per 4 giornate per una testata in Europa Lea...

LIVE TC - REAL MADRID-BAYERN MONACO 1-0 - RISULTATO FINALE

94' - Finisce la partita 90' - Quattro minuti di recupero. Il Real gestisce il possesso palla 83' - Bayern Monaco vicinissimo al gol! Assist perfetto di Robben per Gotze, che scarica col destro: Casillas fa una parata prodigiosa e salva il Real.  71' - Cambio nel Bayern, con...

NEUER, CASILLAS E I CONTROPIEDI BLANCOS: TOP&FLOP DI REAL-BAYERN

Una gara straordinaria, emozioni da vivere anche al ritorno. Termina 1-0 per il Real Madrid il primo round della sfida contro il Bayern Monaco. Vediamo insieme Top&Flop della sfida.  TOP Casillas - Gara straordinaria del portiere spagnolo, che si conferma insuperabile. Salva il risultato, ...

REAL, ANCELOTTI: "RONALDO SARÀ AL TOP MARTEDÌ. A MONACO CON CORAGGIO"

Intervistato da Sky Sport, l'allenatore del Real Madrid Carlo Ancelotti è soddisfatto dopo il successo ottenuto contro il Bayern Monaco nell'andata delle semifinali di Champions League: "E' stata dura, come sono dure tutte le semifinali. All'inizio eravamo ...