Il calcio che verrà: Francia

Il calcio che verrà: Francia

 di Antonio della Volpe articolo letto 446 volte

Quello transalpino è il campionato che negli ultimi anni ha ritrovato smalto, sopratutto grazie ai grandi investimenti fatti in quel di Parigi dallo sceicco Nasser Al-Khelaïfi, che ha portato il Psg tra i club più ricchi e attrezzati dal punto di vista tecnico, del vecchio continente. Sarà che fra meno di un mese i francesi ospiteranno l' Europeo, ma il lavoro del loro settore giovanile l'hanno iniziato già da qualche anno, arrivando infatti tre anni fa alla conquista del Mondiale U20. Le stelle di quella squadra, oggi già divenuti parte integrante della rappresentativa senior, uno su tutti Paul Pogba (23), sebrano aver riaperto un cantiere che ad oggi continua a sfornare talenti. 

Tra gli under 21 più promettenti di difesa troviamo i nomi di Aymeric Laporte (94) difensore centrale dell'Athletic Bilbao, titolare inamovibile della retroguardia basca, molto dotato fisicamente visti i quasi 190 cm, che non disdegna sortite offensive sulle palle da fermo; suo alterego del Chelsea è essere Kurt Zouma (94) che quest'anno ha disputato il suo primo campionato da titolare in Premier, anchegli difensore centrale con grandi doti fisiche.
 

A centrocampo abbiamo Thomas Lemar (95) centrocampista titolare del Monaco, che gioca principalmente come trequartista e non disdegna il ruolo di ala; sempre sulla mediana troviamo Vincent Koziello (95) del Nizza, dai piedi educati, gioca davati alla difesa nel ruolo di mediano o di internodi  centrocampo.

Il reparto avanzato è quello di maggior qualità, spiccano infatti i nomi di Anthony Martial (95) del Manchester United (trasferimento più costoso della storia per un under 20, 50 mln di euro), talento puro che può giocare sia nel ruolo di prime punta che di attaccante esterno; suo gemello d'attacco è Kingsley Coman (96) del Bayern Monaco, che in quest'anno ha avuto il ruolo di prima alternativa d'attacco nei piani di Pep Guardiola, gioca prevalentemente come attaccante esterno o seconda punta; nella Ligue1 segnaliamo il giovanissimo franco-maliano Ousmane Dembélé (97) come prospetto più interessante, fosse solo per le 12 reti messe a segno in questo campionato con la maglia del Rennes nel ruolo di attaccante di destra.