I miracoli del calcio: il Twente di McClaren

I miracoli del calcio: il Twente di McClaren

 di Antonio della Volpe articolo letto 173 volte

Il Football Club Twente, conosciuto semplicemente come Twente è una società olandese che vanta il quinto numero di presenze nella Eredivisie. Nella stagione 2009/10 si concretizza un vero e proprio miracolo sportivo, infatti la squadra di Enschede, città con poco più di 150 mila anime, conquista il suo secondo titolo, sotto la guida dell'inglese McClaren.

Steve McClaren è un ex centrocampista inglese che ha iniziato la sua carriera da allenatore all'Oxford come vice, dove aveva concluso la sua carriera da giocatore (nelle serie minori). Dopo varie esperienze giunge alla guida della nazionale inglese. dove non ottiene grandi traguardi; alla fine di questa esperienza, viene chiamato in Olanda alla guida del Twente nella stagione 2008; dopo un primo anno dove porta la squadra al secondo posto, trisultato già di persè prestigioso (secondo solo all'AZ di Alkmaar), completa il suo capolavoro nell'anno seguente.

Faro di quella squadra era il costaricense Bryan Ruiz che fu vicecapocannoniere del campionato con 24 reti, dietro ad un certo Luis Alberto Suárez (35 reti, più di lui negli ultimi 50 anni solo Van Basten 37). Di Ruiz ci ricorderemo sicuramente per sempre noi italiani, in quanto è stato l'autore del gol che ha portato ai Mondiali del 2014 la Costarica alla vittoria per 1/0 sulla nazionale dell'Italia, per una storica qualificazione al secondo turno. 

Torneo si deciderà solo il 2 maggio all'ultima giornata quando il Twente vince per 0-2 in casa del NAC Breda laureandosi Campione d'Olanda per la seconda volta nella sua storia e dopo 74 anni di digiuno, contro ogni pronostico, mettendosi alle spalle nell'ordine Ajax (a solo 1 punto), PSV e Fayenoord.