Sabato 26 Luglio 2014                     
HOME › CAMPIONI SENZA COPPE
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
11.05.2011 08:00 di Gaetano Mocciaro articolo letto 4325 volte

Ha vinto molto meno di quanto avrebbe meritato, George Weah. Due i motivi principali: essere nato in un paese calcisticamente arretrato come la Liberia, che a livello di nazionale faticava già a competere a livello continentale. Figurarsi fuori dall’Africa. E infatti nessun mondiale giocato. Il secondo non aver giocato in squadre all’altezza della situazione in Champions. Così Big George si deve accontentare di due campionati italiani vinti e uno francese, oltre premi personali come il Fifa World Player e soprattutto il Pallone d’Oro del 1995.

La sua storia con la Champions inizia nel 1988, quando la competizione era ancora semplicemente Coppa dei Campioni. Weah ha 21 anni da compiere ed è giunto in Europa dal campionato camerunense. Il suo primo gol nella massima competizione continentale è subito decisivo: al primo turno contro gli islandesi del Valur, Weah realizza il 2-0 che ribalta lo 0-1 dell’andata. Segna anche ai quarti di finale, nel match di ritorno contro il Galatasaray, sul neutro di Colonia. Sconfitto in casa 0-1, il Monaco doveva tentare il tutto per tutto nel ritorno, ma il vantaggio dei turchi complicò le cose. Il pareggio del liberiano ridiede ai monegaschi la speranza di ribaltare il verdetto e lo stesso attaccante sfiorò il clamoroso 1-2, fermato però dal portiere turco. Il cammino si fermò ai quarti e per Weah l’appuntamento con la successiva coppa dalla grandi orecchie fu rinviato di 6 anni.

Stavolta la maglia che indossa è quella del Paris Saint-Germain. Weah è un calciatore che sta vivendo la sua maturazione e i frutti si sono visti l’anno precedente, trascinando i parigini al titolo di campione di Francia. Nella Champions 1994/95 Weah è il mattatore: prende per mano la squadra e la trascina in semifinale a suon di gol, ben sette, che gli valgono il titolo di capocannoniere della manifestazione. Reti che sono una più bella dell’altra. Capolavoro quella realizzata a Monaco di Baviera, in una gara dei gironi contro il Bayern: triangola con un compagno di squadra, poi si libera in dribbling di tre avversari prima di scaricare al limite dell’area una bomba che si infila nel sette. Il Psg quel girone lo andrà a vincere a punteggio pieno. Weah sarà decisivo anche ai quarti, quando al Camp Nou pareggiò il vantaggio iniziale di Korneev con una zuccata di testa da calcio di punizione, da lui stesso procurato. Gol decisivo che mise i francesi nelle condizioni di giocare il ritorno in una situazione di vantaggio. E al Parco dei Principi fu 2-1 per i suoi e biglietto per le semifinali staccato. Nel frattempo le sue prodezze non sono passate inosservate e il Milan, avviato verso la fine di un ciclo, si innamora di lui e già in primavera lo corteggia in maniera decisa. Proprio il Milan capiterà come avversario del Paris Saint-Germain in semifinale, con Weah praticamente promesso sposo rossonero. Sarà che tutti i riflettori su di lui, che Weah nella doppia sfida viene letteralmente imbrigliato dagli esperti difensori rossoneri. Il Milan vincerà entrambe le semifinali. Per Weah l’avventura in Champions finisce di nuovo e se ne riparlerà due anni dopo, proprio con la maglia rossonera.

E’ la stagione 1996/97 e come col Paris Saint-Germain, Weah arriva a giocarsi la Champions dopo aver vinto da protagonista lo scudetto col Milan. La squadra è fra le favorite d’obbligo per la vittoria finale, ma nonostante Big George parta col piede giusto e segni tre gol nelle prime tre partite, la squadra, però, non è all’altezza e si vede. E quando lui manca i risultati sono disastrosi: vedere la sfida decisiva col Rosenborg: clamoroso ko e uscita di scena dalla competizione. Weah ci riprova 3 anni dopo, sempre col Milan, con Zaccheroni in panchina. Anche stavolta l’annata non è buona: si balbetta con Chelsea, Hertha e Galatasaray, tanto che la squadra arriverà a giocarsi la qualificazione ancora una volta all’ultima giornata. Come in quel quarto di finale col Monaco, Weah segna ai turchi e come in quella circostanza ciò non servirà a nulla: il Galatasaray sotto 1-2 a pochi minuti dalla fine segna due reti fra l’87’ e l’89’, facendo scivolare il Milan in tre minuti dal secondo all’ultimo posto, estromettendolo pure dalla Coppa Uefa. Un finale atroce, che pone la parola fine all’avventura europea di quel Milan e di George Weah, che a 33 anni cambierà aria da lì a qualche mese: prima sei mesi al Chelsea, poi Manchester City, Marsiglia e Al Jazeera. Negli Emirati Arabi Uniti si godono gli ultimi spiccioli di carriera di un grande campione, che non è riuscito ad alzare la grande coppa.
 


Altre notizie - Campioni senza Coppe
CAMPIONI SENZA COPPE, 08.01 18:00 - Iker Casillas è sempre in rotta con Josè Mourinho e non è detto che l'estremo difensore della nazionale spagnola non possa partire a fine stagione. L'Arsenal è alla ricerca di un portiere dal sicuro affidamento, e secondo la rivista Fanatix avrebbe pensato di i...
CAMPIONI SENZA COPPE, 30.05 08:00 - Eric Cantona è stato uno dei personaggi più estrosi e controversi del calcio anni ’90. Talento immenso sorretto però da un carattere particolare, che gli ha fatto perdere alcuni tram che non sarebbero mai più passati (vedere l’esclusione dalla nazionale fra...
CAMPIONI SENZA COPPE, 23.05 08:00 - Roberto Mancini appartiene al club dei fuoriclasse che non ha mai sollevato la Coppa dei Campioni/Champions League, anche per il fatto di averci partecipato in appena due occasioni. Il che suona quasi come eresia trovandoci di fronte a uno dei calciatori europei più forti degli ultimi tren...
CAMPIONI SENZA COPPE, 20.05 08:00 - Fra i grandi giocatori che non sono mai riusciti a vincere una Champions League non poteva mancare un giocatore che ha fatto dei mancati successi, suo malgrado, un motto: Michael Ballack. Il centrocampista nato in DDR è il re delle piazze d’onore, specie nelle competizioni interna...
CAMPIONI SENZA COPPE, 14.05 08:00 - Se scorriamo il palmares di Romario de Souza Faria rimaniamo impressionati dal numero di trofei vinti. Tenere il conto è davvero difficile e pare incredibile credere che non sia riuscito a vincere una competizione europea. Un vero cruccio per uno dei più grandi centravanti di tutti ...
EUROPA LEAGUE. LA JUVENTUS PUò VINCERE IL TITOLO?
  Si, è la squadra più forte della competizione
  Si, anche se le portoghesi sono rivali importanti
  No, ci sono squadre meglio attrezzate
  No, i bianconeri punteranno sul campionato tralasciando l'Europa

ATLETICO, RIPARTI CON LA SOLITA GARRA. COLCHONEROS DA LIBRO CUORE, MA LA DECIMA È DEL REAL

Per novantadue minuti l'Atletico Madrid ci ha creduto. Poi la doccia fredda, il gol di Ramos. Il gol che ha fatto venire il nodo in gola a tutti Colchoneros. Il gol del pareggio. Poi i supplementari e il Real Madrid ha preso il largo. L...
Festeggiamenti a Berlino per i Mondiali

NOVELLINO: "MILAN, GRAN SPIRITO DI SQUADRA. NAPOLI SFORTUNATO"

Ai microfoni di <i>Tuttomercatoweb</i> il tecnico del Modena Walter Alfredo Novellino, in veste di doppio ex di Milan e Napoli, commenta a caldo l'esito delle due squadre in Champions League. <b>Walter Novellino, Milan avanti soffrendo e Napoli fuori. Incredibile a vedere il...

DIEGO COSTA, EL TALENTO SIN CABEZA. UN ALTRO CRACK...

Diego Costa, "El talento sin Cabeza". Infatti fino all'anno scorso il Brasiliano era conosciuto più per il caratterino non certo facile, che per gol e giocate. Neanche un anno fa, Diego Costa era l'attaccante che si faceva squalificare per 4 giornate per una testata in Europa...

REAL, LA DECIMA È TUA: ATLÉTICO BATTUTO, ORA È GRANDE FESTA

La festa può avere inizio. Il Real Madrid è campione d'Europa per la decima volta. La squadra di Carlo Ancelotti ha battuto per 4-1 in finale l'Atlético Madrid, al termine di una partita intensa, dal risultato certamente non reale. Eppure l'Atlético l'ha...

TOP MARCELO, FLOP DIEGO COSTA: LE PAGELLE DI ATLÉTICO-REAL

A por la Decima. Esulta il Real Madrid, la stora è stata scritta. Ecco le pagelle della sfida tra Real Madrid e Atlético.  TOP Marcelo - Ha spaccato la partita. Corsa, qualità, quantità. Ha sostituito Coentrao, ed è diventato padrone della fascia...

REAL, ANCELOTTI: "COPIONE IMPREVEDIBILE, LA DECIMA UN SOGNO"

La notte della Décima, il Real vola in paradiso. Un successo che parla anche italiano. Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Carlo Ancelotti esprime tutta la sua gioia per la Champions appena conquistata: “E’ stato un copione imprevedibile, siamo stati un po’ fortunati ma alla...