VERSIONE MOBILE
tuttochampions.it
Mercoledì 28 Settembre 2016                     
HOME › CAMPIONI SENZA COPPE
CAMPIONI SENZA COPPE

Weah: il sogno Champions si ferma a Istanbul

11.05.2011 08:00 di Gaetano Mocciaro  articolo letto 5013 volte
© foto di DANIELE MASCOLO/PHOTOVIEWS
Weah: il sogno Champions si ferma a Istanbul

Ha vinto molto meno di quanto avrebbe meritato, George Weah. Due i motivi principali: essere nato in un paese calcisticamente arretrato come la Liberia, che a livello di nazionale faticava già a competere a livello continentale. Figurarsi fuori dall’Africa. E infatti nessun mondiale giocato. Il secondo non aver giocato in squadre all’altezza della situazione in Champions. Così Big George si deve accontentare di due campionati italiani vinti e uno francese, oltre premi personali come il Fifa World Player e soprattutto il Pallone d’Oro del 1995.

La sua storia con la Champions inizia nel 1988, quando la competizione era ancora semplicemente Coppa dei Campioni. Weah ha 21 anni da compiere ed è giunto in Europa dal campionato camerunense. Il suo primo gol nella massima competizione continentale è subito decisivo: al primo turno contro gli islandesi del Valur, Weah realizza il 2-0 che ribalta lo 0-1 dell’andata. Segna anche ai quarti di finale, nel match di ritorno contro il Galatasaray, sul neutro di Colonia. Sconfitto in casa 0-1, il Monaco doveva tentare il tutto per tutto nel ritorno, ma il vantaggio dei turchi complicò le cose. Il pareggio del liberiano ridiede ai monegaschi la speranza di ribaltare il verdetto e lo stesso attaccante sfiorò il clamoroso 1-2, fermato però dal portiere turco. Il cammino si fermò ai quarti e per Weah l’appuntamento con la successiva coppa dalla grandi orecchie fu rinviato di 6 anni.

Stavolta la maglia che indossa è quella del Paris Saint-Germain. Weah è un calciatore che sta vivendo la sua maturazione e i frutti si sono visti l’anno precedente, trascinando i parigini al titolo di campione di Francia. Nella Champions 1994/95 Weah è il mattatore: prende per mano la squadra e la trascina in semifinale a suon di gol, ben sette, che gli valgono il titolo di capocannoniere della manifestazione. Reti che sono una più bella dell’altra. Capolavoro quella realizzata a Monaco di Baviera, in una gara dei gironi contro il Bayern: triangola con un compagno di squadra, poi si libera in dribbling di tre avversari prima di scaricare al limite dell’area una bomba che si infila nel sette. Il Psg quel girone lo andrà a vincere a punteggio pieno. Weah sarà decisivo anche ai quarti, quando al Camp Nou pareggiò il vantaggio iniziale di Korneev con una zuccata di testa da calcio di punizione, da lui stesso procurato. Gol decisivo che mise i francesi nelle condizioni di giocare il ritorno in una situazione di vantaggio. E al Parco dei Principi fu 2-1 per i suoi e biglietto per le semifinali staccato. Nel frattempo le sue prodezze non sono passate inosservate e il Milan, avviato verso la fine di un ciclo, si innamora di lui e già in primavera lo corteggia in maniera decisa. Proprio il Milan capiterà come avversario del Paris Saint-Germain in semifinale, con Weah praticamente promesso sposo rossonero. Sarà che tutti i riflettori su di lui, che Weah nella doppia sfida viene letteralmente imbrigliato dagli esperti difensori rossoneri. Il Milan vincerà entrambe le semifinali. Per Weah l’avventura in Champions finisce di nuovo e se ne riparlerà due anni dopo, proprio con la maglia rossonera.

E’ la stagione 1996/97 e come col Paris Saint-Germain, Weah arriva a giocarsi la Champions dopo aver vinto da protagonista lo scudetto col Milan. La squadra è fra le favorite d’obbligo per la vittoria finale, ma nonostante Big George parta col piede giusto e segni tre gol nelle prime tre partite, la squadra, però, non è all’altezza e si vede. E quando lui manca i risultati sono disastrosi: vedere la sfida decisiva col Rosenborg: clamoroso ko e uscita di scena dalla competizione. Weah ci riprova 3 anni dopo, sempre col Milan, con Zaccheroni in panchina. Anche stavolta l’annata non è buona: si balbetta con Chelsea, Hertha e Galatasaray, tanto che la squadra arriverà a giocarsi la qualificazione ancora una volta all’ultima giornata. Come in quel quarto di finale col Monaco, Weah segna ai turchi e come in quella circostanza ciò non servirà a nulla: il Galatasaray sotto 1-2 a pochi minuti dalla fine segna due reti fra l’87’ e l’89’, facendo scivolare il Milan in tre minuti dal secondo all’ultimo posto, estromettendolo pure dalla Coppa Uefa. Un finale atroce, che pone la parola fine all’avventura europea di quel Milan e di George Weah, che a 33 anni cambierà aria da lì a qualche mese: prima sei mesi al Chelsea, poi Manchester City, Marsiglia e Al Jazeera. Negli Emirati Arabi Uniti si godono gli ultimi spiccioli di carriera di un grande campione, che non è riuscito ad alzare la grande coppa.
 


Altre notizie - Campioni senza Coppe
Altre notizie
JUVE ALLO SNODO DINAMO ZAGABRIA. CE LA FARANNO GLI UOMINI DI ALLEGRI?
  Si
  No

L’EUROPA LEAGUE DELLE ITALIANE: UN’OCCASIONE PER TORNARE GRANDI, NON SCIUPIAMOLA

L’Europa League delle italiane: un’occasione per tornare grandi, non sciupiamolaAncora una volta, puntuale come ogni stagione, si ripresenta per il nostro calcio la solita occasione, che tutto è eccetto che al di fuori della portata delle compagini che lo rappresentano, di portare a casa un trofeo dal sapore int...

CHAMPIONS LEAGUE, BORUSSIA-REAL: VIGILIA CON POLEMICHE PER I BLANCOS

Champions League, Borussia-Real: vigilia con polemiche per i BlancosNon è mai facile affrontare il Borussia Dortmund in casa. Se a questo dato si aggiunge quello dei venti gol fatti e dei soli due subiti in quattro partite dalla squadra di Tuchel e, in più, la polemica innescata in seguito al cambio di Ronaldo effettuato da Zidane nell'ultima partita di...

JUVENTUS, ALLEGRI SODDISFATTO IN CONFERENZA: "QUATTRO GOL IMPORTANTI ANCHE PER LA DIFFERENZA RETI"

Juventus, Allegri soddisfatto in conferenza: "Quattro gol importanti anche per la differenza reti""La squadra ha fatto quello che doveva fare, rispettando l'avversario. E i quattro gol saranno importanti per la differenza reti". Così Massimiliano Allegri in conferenza stampa dopo il successo sonoro di Zagabria. "Bisognerà continuare a lavorare. Dobbiamo migliorare,...

JUVENTUS, I RISULTATI DELLE RIVALI: LIONE E SIVIGLIA KO, DINAMO OK DI MISURA

Juventus, i risultati delle rivali: Lione e Siviglia ko, Dinamo ok di misuraNon è stato un turno di campionato facile per le avversarie europee della Juventus, così come per i bianconeri, che hanno espugnato il Barbera grazie ad un'autorete. Peggio è andata al Lione e al Siviglia. I francesi hanno perso in casa del Lorient, fino a ieri ultimo in...

SIVIGLIA-OLYMPIQUE LIONE 1-0, LE PAGELLE: BEN YEDDER DECISIVO, NASRI SI SCATENA

Siviglia-Olympique Lione 1-0, LE PAGELLE: Ben Yedder decisivo, Nasri si scatenaIl Siviglia s'impone 1-0 sul Lione e condivide il primato nel girone con la Juventus. SIVIGLIA (4-2-3-1): Rico: 6,5 - Da sicurezza a tutto il reparto e riesce a tenere la porta inviolata per tutti i novanta minuti. sempre presente quando chiamato un causa. Sicurezza. Mariano: 7 - Crea molti...

LA JUVENTUS È LA SQUADRA PIÙ "CARA" DI CHAMPIONS LEAGUE

La Juventus è la squadra più "cara" di Champions LeagueNon è, forse, il primato più ambito ma è pur sempre un primato. La Juventus, secondo uno studio di “Spreadex”, ha il costo minimo più alto per l’ingresso allo stadio. A recitare la parte di “cenerentola” la Dinamo Kiev. La differenza tra i...
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI