VERSIONE MOBILE
Giovedì 23 Ottobre 2014                     
HOME › CAMPIONI SENZA COPPE
© foto di Alberto Fornasari
14.05.2011 08:00 di Gaetano Mocciaro articolo letto 6578 volte

Se scorriamo il palmares di Romario de Souza Faria rimaniamo impressionati dal numero di trofei vinti. Tenere il conto è davvero difficile e pare incredibile credere che non sia riuscito a vincere una competizione europea. Un vero cruccio per uno dei più grandi centravanti di tutti i tempi. O Baixinho nel Vecchio Continente ha giocato con due squadre ben attrezzate per trionfare nel massimo trofeo continentale.

Il Psv Eindhoven fresco campione d’Europa si apprestava a tentare il bis. Per questo sbaragliò la concorrenza per acquistare l’attaccante brasiliano, all’epoca ventidueenne, che si era fatto conoscere al mondo trascinando la nazionale brasiliana alla finale delle Olimpiadi di Seul. L’avventura terminerà ai quarti di finale per mano del Real Madrid, la stessa squadra che verrà schiantata poi in semifinale dal Milan di Sacchi. Proprio con le merengues arrivano i primi gol europei di Romario, che segna l’1-1 definitivo all’andata e sempre l’1-1 al ritorno, portando la partita ai supplementari. Nell’extra-time Rafael Martin Vasquez porrà fine all’avventura degli olandesi. E’ curioso come la prima rete in coppa dei Campioni arrivi di testa, non certo la specialità per un giocatore alto (si fa per dire) 169 cm. La stagione successiva vede Romario protagonista della competizione: alla fine saranno 6 le sue marcature, che gli varranno il titolo di capocannoniere della Coppa dei Campioni: tre gol al Lucerna il primo turno, tre allo Steaua nel secondo turno. Proprio tre giorni prima del quarto di finale contro il Bayern, Romario si procura un grave infortunio in campionato. Il Psv contro i tedeschi uscirà, mentre per Romario non solo finisce in anticipo la stagione, ma a causa dello stesso infortunio perderà la possibilità di disputare i mondiali d’Italia ’90. Dopo un anno di pausa dalla principale competizione europea, con Romario e il Psv impegnati in Coppa della Coppe, il ritorno nella Coppa dei Campioni arriva nel 1991, ma è una parentesi da dimenticare: gli olandesi escono agli ottavi per mano dell’Anderlecht e Romario in quell’edizione disputa due partite senza andare a segno. Si rifarà la stagione successiva, diventando il capocannoniere del torneo, con 7 reti. La sua squadra si ferma al girone semifinale, ultima dietro a Milan, Goteborg e Porto. Romario si toglierà la soddisfazione di essere stato l’unico a fare gol all’imperforabile difesa del Milan nel girone.

L’avventura in Olanda del Baixinho è arrivata al capolinea, è tempo di passare in una squadra ancora più blasonata e ad accoglierlo c’è il Barcellona. In campionato fa sfracelli: 30 reti in 33 partite e titolo di capocannoniere, oltre che di campione di Spagna, al primo colpo. In Europa la porta la vede meno, appena 2 volte in dieci partite, ma il cammino del suo Barcellona è inarrestabile e Romario con Stoichkov forma la coppia d’atatcco più forte in assoluto. I blaugrana arrivano in finale senza troppi sforzi e tanto sembra forte, che sembra non esserci confronto in finale contro il Milan, per giunta privo di Costacurta e Baresi. Invece i rossoneri saranno protagonisti di un memorabile 4-0 e Romario autore di una sorprendente scena muta, annullato da Filippo Galli. E’ di fatto quella l’ultima chance per lui di vincere in Europa. Da quella notte di Atene parte la sua parabola discendente. Romario farà in tempo a giocare una parte di Coppa che ormai è stata ribattezzata Champions League, mettendo a segno 3 reti, prima di tornare in Brasile e da lì iniziare un lunghissimo pellegrinaggio che l’ha visto tornare in Spagna (Valencia), ancor Brasile, poi Qatar, Stati Uniti e persino Australia, riuscendo l’impresa di rompere il muro dei 1.000 in carriera. Nessuno, però, che sia stato decisivo portare a casa la coppa dalle grandi orecchie.
 


Altre notizie - Campioni senza Coppe
CAMPIONI SENZA COPPE, 08.01 18:00 - Iker Casillas è sempre in rotta con Josè Mourinho e non è detto che l'estremo difensore della nazionale spagnola non possa partire a fine stagione. L'Arsenal è alla ricerca di un portiere dal sicuro affidamento, e secondo la rivista Fanatix avrebbe pensato di i...
CAMPIONI SENZA COPPE, 30.05 08:00 - Eric Cantona è stato uno dei personaggi più estrosi e controversi del calcio anni ’90. Talento immenso sorretto però da un carattere particolare, che gli ha fatto perdere alcuni tram che non sarebbero mai più passati (vedere l’esclusione dalla nazionale fra...
CAMPIONI SENZA COPPE, 23.05 08:00 - Roberto Mancini appartiene al club dei fuoriclasse che non ha mai sollevato la Coppa dei Campioni/Champions League, anche per il fatto di averci partecipato in appena due occasioni. Il che suona quasi come eresia trovandoci di fronte a uno dei calciatori europei più forti degli ultimi tren...
CAMPIONI SENZA COPPE, 20.05 08:00 - Fra i grandi giocatori che non sono mai riusciti a vincere una Champions League non poteva mancare un giocatore che ha fatto dei mancati successi, suo malgrado, un motto: Michael Ballack. Il centrocampista nato in DDR è il re delle piazze d’onore, specie nelle competizioni interna...
CAMPIONI SENZA COPPE, 11.05 08:00 - Ha vinto molto meno di quanto avrebbe meritato, George Weah. Due i motivi principali: essere nato in un paese calcisticamente arretrato come la Liberia, che a livello di nazionale faticava già a competere a livello continentale. Figurarsi fuori dall’Africa. E infatti nessun mondiale ...
EUROPA LEAGUE. LA JUVENTUS PUò VINCERE IL TITOLO?
  Si, è la squadra più forte della competizione
  Si, anche se le portoghesi sono rivali importanti
  No, ci sono squadre meglio attrezzate
  No, i bianconeri punteranno sul campionato tralasciando l'Europa

ATLETICO, RIPARTI CON LA SOLITA GARRA. COLCHONEROS DA LIBRO CUORE, MA LA DECIMA È DEL REAL

Per novantadue minuti l'Atletico Madrid ci ha creduto. Poi la doccia fredda, il gol di Ramos. Il gol che ha fatto venire il nodo in gola a tutti Colchoneros. Il gol del pareggio. Poi i supplementari e il Real Madrid ha preso il largo. L...
Olympiakos-Juventus 1-0

NOVELLINO: "MILAN, GRAN SPIRITO DI SQUADRA. NAPOLI SFORTUNATO"

Ai microfoni di <i>Tuttomercatoweb</i> il tecnico del Modena Walter Alfredo Novellino, in veste di doppio ex di Milan e Napoli, commenta a caldo l'esito delle due squadre in Champions League. <b>Walter Novellino, Milan avanti soffrendo e Napoli fuori. Incredibile a vedere il...

DIEGO COSTA, EL TALENTO SIN CABEZA. UN ALTRO CRACK...

Diego Costa, "El talento sin Cabeza". Infatti fino all'anno scorso il Brasiliano era conosciuto più per il caratterino non certo facile, che per gol e giocate. Neanche un anno fa, Diego Costa era l'attaccante che si faceva squalificare per 4 giornate per una testata in Europa...

REAL, LA DECIMA È TUA: ATLÉTICO BATTUTO, ORA È GRANDE FESTA

La festa può avere inizio. Il Real Madrid è campione d'Europa per la decima volta. La squadra di Carlo Ancelotti ha battuto per 4-1 in finale l'Atlético Madrid, al termine di una partita intensa, dal risultato certamente non reale. Eppure l'Atlético l'ha...

TOP MARCELO, FLOP DIEGO COSTA: LE PAGELLE DI ATLÉTICO-REAL

A por la Decima. Esulta il Real Madrid, la stora è stata scritta. Ecco le pagelle della sfida tra Real Madrid e Atlético.  TOP Marcelo - Ha spaccato la partita. Corsa, qualità, quantità. Ha sostituito Coentrao, ed è diventato padrone della fascia...

REAL, ANCELOTTI: "COPIONE IMPREVEDIBILE, LA DECIMA UN SOGNO"

La notte della Décima, il Real vola in paradiso. Un successo che parla anche italiano. Intervenuto ai microfoni di Sky Sport, Carlo Ancelotti esprime tutta la sua gioia per la Champions appena conquistata: “E’ stato un copione imprevedibile, siamo stati un po’ fortunati ma alla...

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.