VERSIONE MOBILE
Lunedì 8 Febbraio 2016                     
HOME › CAMPIONI SENZA COPPE
CAMPIONI SENZA COPPE

Romario: 1000 gol in carriera, zero Champions in bacheca

14.05.2011 08:00 di Gaetano Mocciaro  articolo letto 8169 volte
© foto di Alberto Fornasari
Romario: 1000 gol in carriera, zero Champions in bacheca

Se scorriamo il palmares di Romario de Souza Faria rimaniamo impressionati dal numero di trofei vinti. Tenere il conto è davvero difficile e pare incredibile credere che non sia riuscito a vincere una competizione europea. Un vero cruccio per uno dei più grandi centravanti di tutti i tempi. O Baixinho nel Vecchio Continente ha giocato con due squadre ben attrezzate per trionfare nel massimo trofeo continentale.

Il Psv Eindhoven fresco campione d’Europa si apprestava a tentare il bis. Per questo sbaragliò la concorrenza per acquistare l’attaccante brasiliano, all’epoca ventidueenne, che si era fatto conoscere al mondo trascinando la nazionale brasiliana alla finale delle Olimpiadi di Seul. L’avventura terminerà ai quarti di finale per mano del Real Madrid, la stessa squadra che verrà schiantata poi in semifinale dal Milan di Sacchi. Proprio con le merengues arrivano i primi gol europei di Romario, che segna l’1-1 definitivo all’andata e sempre l’1-1 al ritorno, portando la partita ai supplementari. Nell’extra-time Rafael Martin Vasquez porrà fine all’avventura degli olandesi. E’ curioso come la prima rete in coppa dei Campioni arrivi di testa, non certo la specialità per un giocatore alto (si fa per dire) 169 cm. La stagione successiva vede Romario protagonista della competizione: alla fine saranno 6 le sue marcature, che gli varranno il titolo di capocannoniere della Coppa dei Campioni: tre gol al Lucerna il primo turno, tre allo Steaua nel secondo turno. Proprio tre giorni prima del quarto di finale contro il Bayern, Romario si procura un grave infortunio in campionato. Il Psv contro i tedeschi uscirà, mentre per Romario non solo finisce in anticipo la stagione, ma a causa dello stesso infortunio perderà la possibilità di disputare i mondiali d’Italia ’90. Dopo un anno di pausa dalla principale competizione europea, con Romario e il Psv impegnati in Coppa della Coppe, il ritorno nella Coppa dei Campioni arriva nel 1991, ma è una parentesi da dimenticare: gli olandesi escono agli ottavi per mano dell’Anderlecht e Romario in quell’edizione disputa due partite senza andare a segno. Si rifarà la stagione successiva, diventando il capocannoniere del torneo, con 7 reti. La sua squadra si ferma al girone semifinale, ultima dietro a Milan, Goteborg e Porto. Romario si toglierà la soddisfazione di essere stato l’unico a fare gol all’imperforabile difesa del Milan nel girone.

L’avventura in Olanda del Baixinho è arrivata al capolinea, è tempo di passare in una squadra ancora più blasonata e ad accoglierlo c’è il Barcellona. In campionato fa sfracelli: 30 reti in 33 partite e titolo di capocannoniere, oltre che di campione di Spagna, al primo colpo. In Europa la porta la vede meno, appena 2 volte in dieci partite, ma il cammino del suo Barcellona è inarrestabile e Romario con Stoichkov forma la coppia d’atatcco più forte in assoluto. I blaugrana arrivano in finale senza troppi sforzi e tanto sembra forte, che sembra non esserci confronto in finale contro il Milan, per giunta privo di Costacurta e Baresi. Invece i rossoneri saranno protagonisti di un memorabile 4-0 e Romario autore di una sorprendente scena muta, annullato da Filippo Galli. E’ di fatto quella l’ultima chance per lui di vincere in Europa. Da quella notte di Atene parte la sua parabola discendente. Romario farà in tempo a giocare una parte di Coppa che ormai è stata ribattezzata Champions League, mettendo a segno 3 reti, prima di tornare in Brasile e da lì iniziare un lunghissimo pellegrinaggio che l’ha visto tornare in Spagna (Valencia), ancor Brasile, poi Qatar, Stati Uniti e persino Australia, riuscendo l’impresa di rompere il muro dei 1.000 in carriera. Nessuno, però, che sia stato decisivo portare a casa la coppa dalle grandi orecchie.
 


Altre notizie - Campioni senza Coppe
Altre notizie
A CHI é ANDATA PEGGIO NEI SORTEGGI?
  Juventus-Bayern Monaco
  Roma-Real Madrid
  Fiorentina-Tottenham
  Galatasaray-Lazio
  Villarreal-Napoli

DYBALA: ORA LA JUVE È LUI

Dybala: ora la Juve è luiChe Dybala potesse essere così determinante per la Juventus nessuno ci avrebbe scommesso nemmeno un solo euro. Ad inizio stagione, quando doveva ancora prendere in mano la squadra ed il gioco, di lui si parlava come di un affare scon...

CHELSEA, CONTE IN POLE PER LA PANCHINA DEI BLUES

Chelsea, Conte in pole per la panchina dei bluesContatti serrati tra Antonio Conte ed il Chelsea. Sembrano essere stati già due gli incontri tra i Blues e l'ex mister della Juventus e attuale ct della Nazionale. Il suo 'ciclo' in azzurro volgerà al termine dopo l'Europeo in Francia. Sul taccuino del club londinese ci sono...

FIORENTINA, "SOLO" UN PARI A BOLOGNA

Fiorentina, "solo" un pari a BolognaFinisce 1-1 il primo anticipo della 24^ di serie A. La Fiorentina, torna a casa con un solo punto e col rischio di essere scavalcata dall'Inter che domani affronta il Verona al Bentegodi. Gli uomini di Sousa, erano passati in vantaggio grazie alla rete di Bernardeschi al 59', nonostante...

BAYERN MONACO, OPERATO MARTINEZ SALTA LA JUVE

Bayern Monaco, operato Martinez salta la JuveNon ci sarà Javi Martinez nella prima sfida tra Bayern e Juventus valido per l'ottavo di finale di andata della Champions League. Il giocatore è stato operato al menisco e Barcellona e ne avrà per circa un mese. Molto probabilmente lo spagnolo sarà disponibile per il match...

CHELSEA, REMY: "MOMENTO DURO, MA POSSIAMO RIALZARCI"

Chelsea, Remy: "Momento duro, ma possiamo rialzarci"Loic Remy, centravanti del Chelsea, ha parlato della complicata situazione dei Blues dopo l'ennesimo risultato negativo, questa volta contro il Leicester: "Per la squadra è un momento davvero duro, ma abbiamo le giuste qualità per rialzarci. Abbiamo solo bisogno di una o due...

REAL, ACCORDO MOSTRUOSO CON ADIDAS

Real, accordo mostruoso con AdidasSi tratterà della maglia più cara del mondo, come titola Marca. Il Real Madrid è infatti vicino alla chiusura dell'accordo con Adidas per circa 140 milioni l'anno. Un contratto che modificherebbe il mercato del merchandising, poiché supererebbe del 40% il...
Utilizzo dei Cookie
Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.

CHIUDI